So che la terra è rotonda,
perché ho visto l’ombra sulla luna
e mi fido delle ombre.

Magellano

Ora che sei venuta,
che con passo di danza sei entrata
nella mia vita
quasi folata in una stanza chiusa
a festeggiarti, bene tanto atteso,
le parola mi mancano e la voce
e tacerti vicino già mi basta.

(C. Sbarbaro)

I promessi sposi

E stando così fermo, sospeso il fruscio de’ piedi nel fogliame, tutto tacendo d’intorno a lui, cominciò a sentire un rumore, un mormorio, un mormorìo, un mormorìo d’acqua corrente. Sta in orecchi; n’è certo; esclama: “è l’Adda!”. Fu il ritrovamento d’un amico, d’un fratello, d’un salvatore.

Renzo ritrova l’Adda (Capitolo XVII)

Col tornar della vita, risorsero più che mai rigogliose nell’animo suo le memorie, i desidèri, le speranze, i disegni della vita; val a dire che pensò più che mai a Lucia.

Renzo (Capitolo XXXIII)

da I promessi sposi di Alessandro Manzoni

Come in un viale di ciliegi tutti in fiore la bellissima dolce energia di un grande banchetto.
Gli alberi che si perdono nella distanza, con i loro petali che cadono, colpiti dal sole, battuti dal vento, sopraffatti dal rosa che trema e danza frenetico e dal dolce colore del cielo azzurro tra i rami, restano in piedi. Lo so. Dura solo un attimo e finisce. Ma in quell’attimo ci si fonde con l’eternità. Quell’attimo, quando si vorrebbe gridare: Wonderful, Bravo!

Banana Yoshimoto