Memorie di Adriano – Le frasi più belle

Animula vagula blandula
Hospes comesque corporis,
Quae nunc abibis in loca
Pallidula, rigida, nudula,
Nec, ut soles, dabis iocos…
Piccola anima smarrita e soave,
compagna e ospite del corpo,
ora t’appresti a scendere in luoghi
incolori, ardui e spogli,
ove non avrai più gli svaghi consueti…
P. Aelius Hadrianus, Imp.
(Poesia in stile ellenistico composta da Adriano poco prima della morte. Traduzione di Lidia Storoni Mazzolani)

Ora, mi propongo ancor più: ho concepito il progetto di raccontarti la mia vita.
[…]
La verità che mi propongo d’esporre qui non è particolarmente scandalosa, o meglio non lo è se non nella misura in cui non c’è verità che non susciti scandalo.
[…]
Qui ti offro […] un racconto scevro di preconcetti e di astrazioni, tratto dall’esperienza d’un uomo, me stesso. Ignoro a quali conclusioni mi trascinerà questo racconto. Conto su questo esame dei fatti per definirmi, forse anche per giudicarmi o, almeno, per conoscermi meglio prima di morire.

Le mie virtù, le ho utilizzate come ho potuto. Dei miei vizi, ne ho fatto buon uso.

da Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...