Il giardino segreto

Frasi da Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett.

Quando Mary Lennox venne spedita a vivere presso lo zio a Misselthwaite Manor, tutti dissero di non avere mai visto una bambina più brutta di lei. E purtroppo era vero.
[incipit]

Non è il mare, e non sono nemmeno campi, e neppure montagne. Sono miglia e miglia e ancora miglia di terra brulla e selvaggia dove non cresce nulla, tranne l’erica, la ginestra e il citiso, e dove non vive nessuno, a eccezione elle pecore e dei cavalli allo stato brado.
Martha descrive la brughiera
(Pagina 33)

Sì,a me piace! Anzi, mi piace tantissimo. E non è per niente spoglia: ci crescono moltissime piante che la ricoprono tutta e hanno un profumo meraviglioso. In primavera e in estate, quando fioriscono l’erica, la ginestra e la saggina, è davvero magnifica. Odora di miele, e l’aria è così fresca!… E il cielo sembra così alto… E le api e le allodole fanno una musica così bella, ronzando e cantando… Oh, per nulla al mondo vorrei vivere lontano dalla brughiera!
Di nuovo Martha, sulla brughiera
(Pagina 35,6)

«Uno di quei giardini è chiuso. Da dieci anni non ci va più nessuno».
«Come mai?», chiese Mary quasi inavvertitamente. Ecco un’altra porta chiusa che andava ad aggiungersi alle cento di quella misteriosa casa.
«Mr Craven lo fece chiudere quando sua moglie morì all’improvviso. Era il giardino che lei preferiva, e lui non vuole che nessuno ci metta piede. Così, chiuse la porta, poi scavò una buca e seppellì la chiave… […]»
(Pagina 42)

Con sua grande sorpresa, la faccia rugosa e arcigna del vecchio mutò espressione. Un leggero sorriso gli illuminò lo sguardo, e il giardiniere sembrò un altro uomo. Allora a Mary venne da pensare a quanto una persona possa sembrare più bella quando sorride. Non aveva mai riflettuto su questa cosa prima di allora.
(Pagina 45)

Fino a quel momento [Mary] non aveva compreso che sentirsi sola era una di quelle cose che la rendevano così scostante e arrabbiata: parve rendersene conto solo quando il pettirosso la guardò e lei guardò il pettirosso.
(Pagina 47)

Il temporale era passato, e durante la notte le nuvole e la nebbia grigia erano state spazzate via dal vento. E ora anche il vento era cessato, e uno scintillante cielo azzurro si stendeva su tutta la brughiera. Mai e poi mai Mary aveva immaginato che il cielo poteva essere così azzurro. […] era terso, profondo, splendente come l’acqua di un bellissimo lago infinito.
(Pagina 60)

Ho rubato un giardino. Non è mio. Non è di nessuno. Nessuno lo vuole, nessuno lo cura, nessuno ci va mai. Lo lasciano morire, forse è già morto, non lo so.
(Mary rivela il suo segreto a Dickon)
(Pagina 88,9)

Forse a renderla così coraggiosa era il fatto di trovarsi di pessimo umore.
(Pagina 105)

La primavera è il sole che splende sulla pioggia e la pioggia che cade sopra la luce del sole, e le piante che spuntano di sotto la terra.
Mary
(Pagina 112)

La mamma dice che le due cose peggiori che possono capitare a un bambino sono di non ottenere mai quello che vuole, oppure di ottenerlo sempre.
Martha
(Pagina 147)

Uno degli aspetti più curiosi della nostra vita è che solo di tanto in tanto ci capita la certezza di vivere a lungo, molto a lungo, forse addirittura per sempre. Succede, a volte, quando ci alziamo all’alba, e usciamo in quell’ora tenera e solenne, da soli. Allora alziamo lo sguardo in alto, verso il cielo pallido che si va colorando di rosa, finché ciò che scorgiamo a oriente quasi ci strappa un grido, e il cuore sembra arrestarsi dinanzi alla strana e immutabile maestà del sole che sorge: qualcosa che accade ogni mattino da migliaia e migliaia di anni… Allora, per qualche attimo, ci sembra che vivremo per sempre. Ci succede anche quando ci troviamo soli in un bosco, al tramonto, e la pace dorata, misteriosa e profonda che vi regna sembra ripeterci dolcemente qualcosa che non riusciamo a comprendere del tutto… Altre volte, invece è la quiete immensa del cielo notturno con il suo azzurro cupo popolato da milioni di stelle a comunicarci tale certezza; oppure l’eco di una musica lontana […] …
(Pagina 169)

«Eh, è fantastico», esclamò [Dickon]. «Ho dodici anni, quasi tredici, e in tredici anni ci sono un mucchio di pomeriggi, ma mi pare di non avere mai visto un pomeriggio così stupendo».
«Oh sì, è davvero meraviglioso», disse Mary tirando un gran sospiro di gioia. «Scommetto che è il pomeriggio più bello che ci sia mai stato al mondo».
«Non credi», disse Colin in tono sognante, parlando lui pure con l’accento dello Yorkshire, «che sia stato creato così bello appositamente per me?»
«Certo che sì!…»
(Pagina 170)

Ci devono essere un monte di incantesimi al mondo», disse un giorno con aria saggia, «ma le persone non li conoscono o non sanno come realizzarli. Forse basterebbe ripetere di continuo che alcune cose buone devono accadere fino al momento in cui non si riesce a farle accadere davvero.
Colin
(Pagina 186)

Consentire a un pensiero brutto e triste di invadere la nostra mente è tanto pericoloso quanto i germi della scarlattina. […]
(Pagina 217,8)

Cose assai sorprendenti possono accadere a chi, avendo nella mente un pensiero sgradevole e scoraggiante, abbia semplicemente il buonsenso di accorgersene e scacciarlo via in tempo sostituendolo con un altro pensiero piacevole e ottimista.
(Pagina 218)

Il padrone di Misselthwaite stava venendo verso casa attraverso il prato, con un’espressione che molti di loro non gli avevano mai visto prima. Al suo fianco, a testa alta e con gli occhi ridenti, camminava, forte e solido come tutti i ragazzi dello Yorkshire… Master Colin!

[explicit, selezionare per leggere]

Advertisements

4 thoughts on “Il giardino segreto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...