Nessuna meraviglia che i più ignoranti considerino le statue pezzi di legno e di pietra, proprio come quanti non capiscono la scrittura guardano le steli come pietre, come legno le tavolette e come papiro intessuto i libri.

Porfirio, Sui Simulacri

Annunci

Non diventare mai pessimista: un pessimista l’azzecca più spesso di un ottimista, ma un ottimista si diverte di più. E nessuno dei due può cambiare la marcia degli eventi.

Robert A. Heinlein

Chiesi a Dio la ricchezza per poter essere felice
e mi diede la povertà perché fossi saggio.
Chiesi di tutto per potermi godere la vita
ebbi la vita per godere di tutto.
Non ebbi nulla di quello che avevo chiesto,
ma ebbi tutto quello che avevo sperato.

(Dal muro di un vecchio monastero)

Alex Rogan, Verità dal passato

“Cosa stai facendo?”
Mentre si stava rivestendo Alex si voltò verso l’uomo “Devo andare.”
“Ma è notte fonda.”
Alex si avvicinò e lo baciò sulle labbra “E’ una cosa importante.”
L’uomo si mise seduto sul bordo del letto coprendosi con il lenzuolo e chiese “Quando possiamo rivederci?”
Alex indossò il suo giubbotto e sorrise “Non ci rivedremo più. Grazie per questa notte.”
“Beh… Ma almeno posso sapere il tuo nome?”
Alex aprì la porta dell’alloggio poi si voltò per guardarlo un’ultima volta prima di andarsene “Il mio nome è Alex.”
[incipit]

Continua a leggere