The Sound and the Fury « il tempo di leggere

Then Ben wailed again, hopeless and prolonged. It was nothing. Just sound. It might have been all time and injustice and sorrow become vocal for an instant by a conjunction of planets.[…]The grave hopeless sound of all voiceless misery under the sun.
Poi Ben gemette di nuovo, disperato e prolungato. Non era niente. Solo un urlo. Sarebbe potuto essere tutto il tempo e l’ingiustizia e la tristezza resi vocali per un istante da una congiunzione di pianeti.[…]Il suono mesto e disperato di tutte le miserie senza voce sotto il sole.
(Pagine 244 e 269)

Continua a leggere

The Third Miss Symons « il tempo di leggere

Henrietta was the third daughter and fifth child of Mr. and Mrs. Symons, so that enthusiasm for babies had declined in both parents by the time she arrived.
Henrietta era la terza figlia femmina e la quinta figlia in generale di Mr. e Mrs. Symons, quindi l’entusiasmo per i bambini era diminuito in entrambi i genitori nel momento in cui era arrivata.
[incipit]

She was adored, possibly because she had a bad temper (bad temper is an asset in a teacher).
Era adorata, forse perché aveva un brutto carattere (un brutto carattere è una risorsa in un insegnante).

The Symons family had not the friend-making quality – a capricious quality, which withholds itself from those who have the greatest desire, and even apparently the best right, to possess it.
La famiglia Symons non aveva la qualità di saper fare amicizia – una qualità capricciosa, che si nega a coloro che hanno più grande il desiderio, e anche apparentemente maggior diritto, di possederla.

There were others as lonely as herself at school, there are always many lonely in a community; but she did not realize this, and felt herself exceptional.
C’erano altre persone sole come lei a scuola, ci sono sempre molte persone sole in una comunità; ma lei non se ne rendeva conto, e si sentiva eccezionale.

The heroines, it is true, were exquisitely beautiful, which Henrietta knew she was not, but from a study of “Jane Eyre” and “Villette” in the holidays, Charlotte Brontë was forbidden at school owing to her excess of passion, Henrietta realized that the plain may be adored too.
Le eroine, è vero, erano squisitamente belle, cosa che Henrietta sapeva di non essere, ma da uno studio di “Jane Eyre” e “Villette” durante le vacanze, Charlotte Brontë era stata vietata a scuola a causa del sua eccesso di passione, Henrietta si rese conto che anche l’ordinario può essere adorato.

To many people, even to some women, it is not, as it was to her, the all-sufficing condition of existence to love and be loved.
Per molte persone, anche alcune donne, non è, come era per lei, l’unica condizione sufficiente all’esistenza l’ amare e l’essere amati.

But it is one of the saddest things about lonely people, that, having no proper confidant, they tell to all and sundry what ought never to be told to more than one.
Ma è una delle cose più tristi a proposito delle persone sole, che, non avendo un vero confidente, dicono a tutti quanti quello che non dovrebbe mai essere raccontata a più di uno.

Not to become too clever; it [is] a great pity for a girl to get too clever.
Non diventare troppo intelligente; è un gran peccato per una ragazza essere troppo intelligente.
Il padre di Etta

“I can’t conceive why you play [patience],” they said crossly. But the reason was perfectly clear. It stared one in the face. During the patience the clock had moved from ten minutes past eight to twenty-five minutes to ten.
“Non riesco a capire perché giochi [al solitario]”, dicevano irritati. Ma la ragione era perfettamente chiara. Li guardava in faccia. Durante il solitario l’orologio si era spostato da dalle otto e dieci alle dieci e venticinque.

da The Third Miss Symons di F. M. Mayor

Sorgente: il tempo di leggere | The Third Miss Symons « il tempo di leggere

Napoleone « il tempo di leggere

Il 15 agosto 1769 nacque ad Aiaccio un bambino, che ebbe dalla sua famiglia il nome di Buonaparte e dalla sorte quello di Napoleone.
[incipit]

Quando si scrive la biografia di un Giulio Cesare, di un Carlomagno o di un Napoleone, la lanterna di Diogene non serve più cercare l’uomo: l’uomo vien trovato dalla posterità e appare agli occhi del mondo radioso e sublime. Quello che occorre dunque seguire, è il cammino da lui percorso prima di arrivare al suo piedistallo, e più le tracce che ha lasciato in certi punti della via sono leggere, meno sono note e quindi più destano la curiosità.
(Pagina 19)

Bonaparte gli mostra la pianura disseminata di morti e gli chiede cosa ne pensa della battaglia. Desaix abbraccia tutto con un’occhiata.
«Dico che è perduta», risponde; poi, cavando l’orologio: «Ma non sono che le tre e abbiamo ancora il tempo di vincerne un’altra».
(Pagina 63)

Altezza Reale,
Esposto alle fazioni che dividono il mio paese e all’inimicizia delle più grandi potenze, io ho chiuso la mia carriera politica. Vengo, come Temistocle, a sedermi al focolare del popolo britannico. Mi metto sotto la protezione delle sue leggi, che io reclamo da Vostra Altezza Reale, come quella del più potente, del più costante, del più generoso tra i miei nemici.
Napoleone al Principe Reggente d’Inghilterra
(Pagina 175)

 

da Napoleone di Alexandre Dumas padre

 

Sorgente: Napoleone « il tempo di leggere

Ancora frasi sulla vita

Quando la vita va male, fermo tutto per amare.
Christian Michel, scrittore

Ogni vita umana è un sentiero che porta a Dio.
Edmund Husserl

Chi non sa vivere, non sa neanche morire.
Erich Brock

Dare, dare, sempre dare, ecco la mia vita.
Iscrizione in un’antica fontana

Molti studiano come allungare la vita, quando invece bisognerebbe allargarla.
Luciano De Crescenzo

Live as if you were to die tomorrow. Learn as if you were to live forever.
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi

 

Life’s a Show

Life’s a Show

Dalla serie TV Buffy the Vampire Slayer, episodio 6.07 “Once More, with Feeling”

Sarah Michelle Gellar – James Marsters
(Michelle Trachtenberg)

BUFFY:
Life’s a show
And we all play our parts
And when the music starts
We open up our hearts.
It’s all right
If some things come out wrong
We’ll sing a happy song
And you can sing along.
Where there’s life
There’s hope
Every day’s
A gift
Wishes can
Come true
Whistle while
You work
So hard
All day.
To be like other girls.
To fit in in this glittering world.
Don’t give me songs.
Don’t give me songs.
Give me something to sing about.
I need something to sing about.
Life’s a song
You don’t get to rehearse.
And every single verse
Can make it that much worse.
Still my friends
Don’t know why I ignore
The million things or more
I should be dancing for.
All the joy
Life sends
Family
And friends
All the twists
And bends
Knowing that
It ends
Well that
Depends
On if they let you go
On if they know enough to know
That when you’ve bowed
You leave the crowd.
[…]
So give me something to sing about.
Please
Give me something…

SPIKE:
Life’s not a song
Life isn’t bliss
Life is just this
It’s living
You’ll get along
The pain that you feel
You only can heal
By living
You have to go one living
So one of us is living.

DAWN:
(spoken) The hardest thing in this world … is to live in it.

La vita è uno spettacolo

BUFFY:
La vita è uno spettacolo
E noi tutti interpretiamo la nostra parte
E quando la musica inizia
Apriamo i nostri cuori.
Va tutto bene
Se alcune cose riescono male
Canteremo una canzone allegra
E tu puoi cantare con noi.
Finché c’è vita,
C’è speranza.
Ogni giorno è
Un dono.
I desideri si possono
Avverare
Fischietta mentre
Lavori
Così duramente
Tutto il giorno.
Per essere come le altre ragazze.
Per inserirmi in questo mondo splendente.
Non datemi canzoni.
Non datemi canzoni.
Datemi qualcosa di cui cantare.
Ho bisogno di qualcosa di cui cantare.
La vita è una canzone
Non puoi fare le prove.
Ed ogni singolo verso
Può renderla decisamente peggiore.
Ancora i miei amici
Non sanno perché ignoro
Le milioni o più di cose
Per le quali dovrei ballare.
Tutta la gioia
Che la vita ti da
La famiglia
E gli amici.
Tutte quelle svolte
Da prendere
Sapendo che
Finisce
Be’, quello
Dipende
Se ti lasciano andare
Se ne sanno abbastanza da sapere
Che quando ti sei inchinata
Lasci la folla.
[…]
Allora datemi qualcosa, di cui cantare.
Per favore
Datemi qualcosa…

SPIKE
La vita non è una canzone.
La vita non è beatitudine.
La vita è solo questo.
È vivere.
Ce la farai
Il dolore che senti
Può solo guarire
Vivendo.
Devi continuare a vivere.
Così che uno di noi sia vivo.

DAWN: (parlato)
La cosa più difficile in questo mondo, è viverci.

Altre frasi sul tema: “vita”

L’unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante.
Cesare Pavese

 La vita deve essere vissuta e bisogna essere sempre curiosi. Non bisogna mai, per nessuna ragione, voltare le spalle alla vita.
Eleanor Roosvelt

Per trovare il senso della vita non c’è niente come morire.
Enrique Jardiel Poncela

In ogni momento della vita si è quel che si è, quel che si è stati, quel che si diverrà.
Oscar Wilde

Se la mia vita somiglia a una discarica, è mio compito riuscire a venirne fuori, dissodare il terreno e piantare dei fiori per sfruttare al meglio tutto il concime naturale.
Anne Wilson Shaef

La vita è un viaggio che, ovunque conduca, porta comunque a casa.
Herman Melville

Possa io fare della mia vita qualcosa di semplice e diritto, come un flauto di canna che il Signore riempie di musica.
Rabindranath Tagore

…e luntano se ne va
tutt’a vita accussi’ e t’astipe pe nun murì.
“Quanno chiove” – Pino Daniele

Oscar Wilde: frasi sulla vita

Noi possiamo avere nella vita una sola grande esperienza; ed il segreto della vita è quello di ripetere, più spesso che si può, quella esperienza.

Oggi si ha l’aria di considerare la vita come una speculazione, ma essa non è una speculazione: è un sacramento; il suo ideale è l’amore, la sua purificazione il sacrificio.

L’egoismo non consiste nel vivere secondo i propri desideri, ma nel pretendere che gli altri vivano a quel modo che noi vogliamo. L’altruismo consiste nel vivere e lasciar vivere.

Persino nella vita vissuta l’egoismo non è privo di attrattive.

La vita pubblica e la vita privata sono due code diverse: sono rette da leggi diverse, e si muovono su diversi piani.

I canti della notte

“Di lacrime e di sangue, di polvere e di vento
di tutti i nostri sogni è la sabbia del deserto, perché e lì che sono scritte le storie di noi tutti
puttane, sognatori, eroi per caso e farabutti.
E il deserto è il cimitero della gente senza storia
di paure, gran menzogne e amori ignoti alla memoria,
tra rovine di un passato di violenze e di rancori
per trovarsi, nel domani, una volta ancor più soli.
…ma non si fermerà, e anzi, mai sarà finita…
la canzone del deserto…il deserto della vita…”

“…d’infinite solitudini, di lacrime e di vento,
di sangue e di follie è la sabbia del deserto,
di eroi senza volerlo, di amori senza fine,
di strade nella polvere che incrociano le vite.”

da “I canti della notte” di Wallendream X (il poeta nomade)