I canti della notte

“Di lacrime e di sangue, di polvere e di vento
di tutti i nostri sogni è la sabbia del deserto, perché e lì che sono scritte le storie di noi tutti
puttane, sognatori, eroi per caso e farabutti.
E il deserto è il cimitero della gente senza storia
di paure, gran menzogne e amori ignoti alla memoria,
tra rovine di un passato di violenze e di rancori
per trovarsi, nel domani, una volta ancor più soli.
…ma non si fermerà, e anzi, mai sarà finita…
la canzone del deserto…il deserto della vita…”

“…d’infinite solitudini, di lacrime e di vento,
di sangue e di follie è la sabbia del deserto,
di eroi senza volerlo, di amori senza fine,
di strade nella polvere che incrociano le vite.”

da “I canti della notte” di Wallendream X (il poeta nomade)