Lucertola

da Lucertola di Banana Yoshimoto

Però adesso è venuto il momento di riposare. Ci sono stati tanti problemi per tanto tempo, e ora sono stanca, voglio dormire. Oggi finisce una giornata. Quando mi sveglierò domani ci sarà un sole accecante e io ricomincerò da capo, una persona diversa. Respirerò aria fresca e nascerà un giorno ancora per me tutto sconosciuto.

(“Sogno con Kimchee”)

Parole che in quel momento potevano riferirsi solo a me, e che a un altro sarebbero parse insignificanti, banali. Le persone che pronunciano parole così lo fanno come per caso, come se non avessero nessuna importanza, ma in realtà, in qualche parte profonda di loro, devono conoscere il potere di quello che hanno appena detto. Sentire di averti dato qualcosa che hanno portato da chissà quale meraviglioso luogo, infinitamente distante.

(“Sangue e acqua”)

Honeymoon

Quando si osserva con attenzione, la mente lavora così intensamente che non c’è più bisogno di andare a cercare all’esterno.

.

Inoltre, se non ero in grado di aiutarlo quando doveva fare una cosa così difficile, la parola amico non aveva più nessun valore.

.

Le stagioni non cambiano mai in meglio. Semplicemente, seguendo un corso naturale, le foglie cadono e ricrescono, il cielo si fa più azzurro e più profondo.

.

da Honeymoon di Banana Yoshimoto.

Amrita

Il principio della fine era stato quando ognuno di noi aveva cominciato a pretendere e basta. E nel momento cruciale, quando si deve decidere se andare avanti nonostante tutto, c’è bisogno di qualcosa. Di compromessi, dice qualcuno. Ma io non la penso così. Di amore, c’è bisogno, del meraviglioso potere dei ricordi. Abbastanza forte da farti pensare che vorresti continuare a stare con quelle persone. Se rimane il desiderio di respirare quell’atmosfera, si può ancora vivere insieme.

Il mare è solo il mare, avanza, si ritira, a volte si agita, e per il solo fatto di esistere, pulsante, provoca nell’uomo molti sentimenti. Sarebbe bello essere così. Deludere, spaventare, consolare limitandosi a esistere.

Sulla spiaggia, l’uomo è poeta.
Perché il mare è sempre il venti per cento più grande di come lo si era immaginato. Se sapendo questo si prevede una ampiezza adeguata, il mare sarà comunque il venti per cento più grande di quanto calcolato. E anche se uno se lo aspetta ancora più grande, ci troverà sempre quel venti per cento in più. Anche se ci si riempie il cuore con una distesa di onde, e si immagina invece la spiaggia piccola, non c’è niente da fare, c’è sempre quel venti per cento in più.
Sarà questo l’infinito?

“Hmm, ho capito.”
“Cos’è che hai capito?”
“Che quando stai con una persona che ti piace, e si è allegri come noi adesso, se si vede insieme qualcosa di bello, di incredibile, se è una stella o un Ufo, non cambia proprio niente.”
Banana Yoshimoto, Amrita

da Amrita di Banana Yoshimoto

Come in un viale di ciliegi tutti in fiore la bellissima dolce energia di un grande banchetto.
Gli alberi che si perdono nella distanza, con i loro petali che cadono, colpiti dal sole, battuti dal vento, sopraffatti dal rosa che trema e danza frenetico e dal dolce colore del cielo azzurro tra i rami, restano in piedi. Lo so. Dura solo un attimo e finisce. Ma in quell’attimo ci si fonde con l’eternità. Quell’attimo, quando si vorrebbe gridare: Wonderful, Bravo!

Banana Yoshimoto

Sonno profondo

Il sonno viene come l’avanzare della marea. Opporsi è impossibile.

 

Sono felice. Amo la notte. La adoro. Di notte sembra che tutto possa accadere, e non ho più nemmeno un po’ di sonno.

 

Le strade di sempre, truccate con la neve, diventano fantascientifiche e mi fanno impazzire. E’ proprio come vivere in un cumulo di tempo in cui tutto si è arrestato.

da Sonno profondo di Banana Yoshimoto