The Losers

Pooch: You’re in or not?
Jensen: And get cheated again?
Pooch: What? No! The Pooch may lie, the Pooch may steal, the Pooch may…
Jensen: The Pooch may refer to himself in the third person?
Pooch: Occasionally, but the Pooch will not cheat.
Jensen: The Pooch can relax. I was worried about Cougar.
Pooch: Yeah, right, it’s always the quiet ones.

[Pooch: Sei dentro o no?
Jensen: E essere imbrigliato di nuovo?
Pooch: Cosa? No! Il Pooch può mentire, il Pooch può rubare, il Pooch può…
Jensen: Il Pooch può parlare di se stesso in terza persona?
Pooch: Occasionalmente, ma il Pooch non imbroglierà.
Jensen: Il Pooch può rilassarsi. Ero preoccupato per Cougar.
Pooch: Sì, giusto, sono sempre quelli tranquilli.]

Continua a leggere

Addio, e grazie per tutto il pesce

Lontano, nei dimenticati spazi non segnati sulle carte geografiche del limite estremo e poco à la page della Spirale Ovest della Galassia, c’è un piccolo e insignificante sole giallo.
A orbitare intorno a esso alla distanza di circa centoquarantanove milioni di chilometri c’è un piccolo, trascurabilissimo pianeta verdazzurro le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive da credere ancora che gli orologi digitali siano una brillante invenzione.
[incipit]

Continua a leggere

Good Omens di Terry Pratchett & Neil Gaiman

CAVEAT
Bringing about Armageddon can be dangerous. Do not attempt it in your own home.

[AVVERTIMENTO
Causare l’Armageddon può essere pericoloso. Non provateci a casa.]

Frase scritta nella pagina dopo il titolo, prima delle note di copyright e simili

Continua a leggere

La Compagnia dei Celestini di Stefano Benni

“E’ stato calcolato che il peso delle formiche esistenti sulla terra è pari a venti milioni di volte quello di tutti i vertebrati.” Così lo scultore ottocentesco Amos Pelicorti detto Mirmidone rispondeva a coloro che gli chiedevano perché componesse le sue opere in mollica di pane. Da quando aveva letto la notizia su un giornale era rimasto a tal punto folgorato da lasciare le predilette sculture di marmo per il candore alternativo della farina. I suoi capolavori venivano sfornati caldi e dati in pasto alle formiche.
[incipit]

Continua a leggere

L’ultimo orco di Silvana De Mari

Mentre, alla testa dei Mercenari di Daligar, comandava l’inseguimento del Maledetto Elfo, il Capitano Rankstrail, detto l’Orso, cercò di ricordarsi da quanti anni lo inseguiva.
[incipit]

Continua a leggere

White Collar, stagione 4

Al contrario di quanto si pensi, io non ho la compassione di Gesù.
Mozzie
(Episodio 1)

Mozzie: Neal, il Distintivo non ha torto.
Peter: Quindi ho ragione?
Mozzie: Preferisco non dirlo!
(Episodio 1)

Neal: Non è esattamente così che avevamo pianificato il nostro pensionamento.
Mozzie: Neal: la legge alle calcagna, la brezza dell’oceano, un furto di precisione ai danni del padroni di un’isola… in un certo senso lo è.
(Episodio 2)

Se esiste una persona che può trovare il modo di avere tutto quello che vuole, quella persona è Neal.
Peter
(Episodio 5)

Mozzie: Dico solo che dovresti tenere entrambi gli occhi aperti in questa storia. E il Distintivo… ha le risorse per diventare quel tipo di occhi.
Neal: Ti rendi conto che, da qualche parte, gli asini hanno iniziato a volare?
Mozzie: Sì, e quello è il rumore dell’Inferno che congela.
(Episodio 7)

Peter: Ma tu da dove salti fuori?
Mozzie: Quarantacinque anni fa un enigma diede un abbraccio molto speciale a un paradosso.
(Episodio 7)

Neal: A Peter piace cambiare il colore dell’inchiostro che usa quando firma. E’ sua abitudine da quando lavoravamo insieme.
Mozzie: Incredibilmente paranoico e sospettoso da parte sua. Lo rispetto.
(Episodio 10)

Sorgente: White Collar, stagione 4 « il tempo di leggere

Go On

Dalla serie tv Go On.

Ryan: Dieci sedute… dieci ore a parlare dei miei sentimenti… Vedi? Sai di cosa ho bisogno?
Carrie: Sentimenti?
(Episodio 1)

Ryan: Una moglie che ti tradisce è la cosa più tremenda…
Anne: Una che muore non è divertente.
Ryan: No, effettivamente no.
(Episodio 6)

Tutti i grandi atleti sono specialisti della negazione. Alì pensava di poter vincere un altro titolo. Ernie Banks compariva ogni primavera pensando “Questo è l’anno buono”. Se siete nei Cubs, non è mai l’anno buono. E, probabilmente il più grande di tutti, il buon vecchio Charlie Brown. Lucy non gli ha mai lasciato colpire la palla. “Santo Cielo!” davvero, signor Brown. E mentre tutti noi vogliamo vivere nel mondo reale, per la maggior parte del tempo, Alì ha vinto davvero un altro titolo. Sono felice di vivere in un mondo in cui i fan del Cubs continuano a sperarci e in cui quel ragazzino strano e pelato continui a cercare di calciare la palla.
Ryan
(Episodio 6)

E’ difficile immaginare di andarsene. Alcuni dei più bei momenti della mia vita sono stati essere triste qui.
Yolanda al suo discorso d’addio
(Episodio 8)

Guarda un po’, il locale è vuoto di martedì sera! Sai dove sono finiti i giovani? A casa, a guardare stupidi video su YouTube! Ai nostri tempi, quando venivamo qui, eravamo stupidi di persona!
Ryan
(Episodio 9)

Non sono vecchio! Twilight! Twilight, il film!
Ryan
(Episodio 10)

Yolanda: Oh, sei un genio! Com’è che non hai più successo nella vita?
Sonia: Eh, è tutto così faticoso!
(Episodio 10)

Ryan: Ho imparato una lezione molto interessante oggi da Fausta. Tutto è meglio con il gioco d’azzardo.
Fausta: Penso che hai colto il messaggio sbagliato. Tutto è meglio con l’alcol.
(Episodio 18)

Ho approfondite conoscenze al riguardo in quanto scienziato e in quanto pazzoide.
Mister K
(Episodio 22)

Sorgente: Go On, stagione 1 « il tempo di leggere

Supernatural, stagione 8

Crowley: Dean. Looking… well, let’s just say Purgatory didn’t do you any favors. Where’s your angel?
Dean: Ask your mother.
Crowley: There’s that grade-school zip. Missed it. I really did.

Crowley: Dean. Il tuo aspetto… bè, diciamo che il Purgatorio non ti ha fatto proprio bene. Dov’è il tuo angelo?
Dean: Chiedilo a tua madre.
Crowley: Ecco la battuta da scuola elementare. Mi sono mancate. Sul serio.

(Episodio 1)

Crowley: Chin up, gentlemen. I’m a professional.
Dean: This ain’t over by a long shot, Crowley.
Crowley: Really, Dean? Who writes your stuff? A marshmallow?

Crowley: Su col morale, signori. Sono un professionista.
Dean: Non finisce di certo qui, Crowley.
Crowley: Sul serio, Dean? Chi ti scrive le battute? Un marshmallow?

(Episodio 1)

What on earth could you possibly need now, Viggo? I’ve given you every torture instrument known to man. Short of a Neil Diamond album.

Di cosa diavolo potrai mai aver bisogno adesso, Viggo? Ti ho fornito ogni strumento di tortura noto all’uomo. Ad eccezione di un album di Neil Diamond.

Crowley

(Episodio 10)

I am forever.

Io sono eterno.

Crowley

(Episodio 19)

I was thinkin’ to myself: “Self, …”

Dicevo a me stesso: “Me stesso, …”

Crowley

(Episodio 21)

I am the daringest devil you’ve ever met, love.

Sono il diavolo più audace che tu abbia mi incontrato, tesoro.

Crowley a Naomi

(Episodio 21)

Just the raw, wild invention of God’s naked apes… it was mind-blowing. But really, really… it was your storytelling. That is the true flower of free will, at least as you’ve mastered it so far. When you create stories, you become gods of tiny intricate dimensions unto themselves. So many worlds. I have read as much as it’s possible for an angel to read, and I haven’t caught up.

La rozza, folle invenzione delle scimmie nude di Dio… è stato stupefacente! Ma la cosa… la cosa migliore… è stata la vostra narrazione. Quello è il vero fiore del libro arbitrio. Almeno per come l’avete padroneggiata finora. Quando create storie, diventate degli dei di minuscole, intricate dimensioni. Così tanto mondi!

Methatron

(Episodio 21)

First things first: what are you wearing?

Prima le cose più importanti: che cosa indossi?

Crowley al telefono con Sam

(Episodio 22)

Dean: Son of a bitch!
Crowley: Son of a witch, actually. My mommy taught me a few tricks.

Dean: Figlio di puttana!
Crowley: Figlio di una strega, per la verità. La mia mamma mi ha insegnato qualche trucchetto.

[Nella traduzione questa si perde un po’, non c’è il gioco di parole bitch/witch]

(Episodio 22)

via il tempo di leggere » Supernatural, stagioni 5-8.

Supernatural, stagione 6

Crowley: I thought when I got the corner office, it was all going to be rainbows and two-headed puppies. But if I’m being honest, it’s been hell.
Bobby: I thought that was the point.
Crowley: You know what the problem with demons is?
Bobby: They’re demons?
Crowley: Exactly. Evil, lying prats, the whole lot of them. And stupid. You try to show them a new way, a better way, and what do you get? Bugger all! You know, there’s days that I think Lucifer’s whole “spike anything with black eyes” plan wasn’t half bad. Hpph. Feels good to get it off my chest. We should make this a thing.
Bobby: Do I look like Dr. Phil to you?
Crowley: A little.

Crowley: Pensavo quando ho raggiunto i piani alti, che sarebbe stato tutto arcobaleni e cuccioli a due teste. Ma se devo essere onesto, è stato un inferno.
Bobby: Pensavo fosse quello il punto.
Crowley: Sai qual è il problema con i demoni?
Bobby: Che sono demoni?
Crowley: Esatto. Crudeli, bugiardi incapaci, tutti quanti. E stupidi. Prova a mostrare loro una nuova via, una via migliore, e che cosa ottieni? Un bel niente! Sai, ci sono giorni in cui penso che tutto quel piano “infilza qualunque cosa abbia gli occhi neri” di Lucifero non era niente male. Hpph. E bello potermi finalmente toglire questo peso. Dovremmo farlo più spesso.
Bobby: Ti sembro forse il Dottor Phil?
Crowley: Un po’.

(Episodio 4)

So… we clear? Me Charlie, you Angels.

Quindi… ci siamo capiti? Io Charlie, voi gli Angeli.

Crowley ai Winchester quando dice loro che sono obbligati a lavorare per lui

(Episodio 7)

Sorry, but you’re exeptional good look’s not gonna buy you any mercy.

Mi dispiace, ma il tuo splendido visino non ti farà ottenere un minimo di pietà.

Crowley a un mutaforma che aveva presto le sue sembianze

(Episodio 10)

Am I the only game piece on the board who doesn’t underestimate those denim-wrapped nightmares?!

Sono io l’unico pezzo sulla scacchiera che non sottostima quei due incubi avvolti nel denim?!

Crowley a proposito di Dean e Sam

(Episodio 20)

Castiel: I’m not interested in talking with you.
Crowley: Why not? I’m very interesting.

Castiel: Non mi interessa parlare con te.
Crowley: Perché no? Io sono molto interessante.

(Episodio 20)

I’d rather ask forgiveness than permission.

Preferisco chiedere il perdono che il permesso.

Crowley

(Episodio 21)

via il tempo di leggere » Supernatural, stagioni 5-8.