Addio, e grazie per tutto il pesce

Lontano, nei dimenticati spazi non segnati sulle carte geografiche del limite estremo e poco à la page della Spirale Ovest della Galassia, c’è un piccolo e insignificante sole giallo.
A orbitare intorno a esso alla distanza di circa centoquarantanove milioni di chilometri c’è un piccolo, trascurabilissimo pianeta verdazzurro le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive da credere ancora che gli orologi digitali siano una brillante invenzione.
[incipit]

Continua a leggere

IL TABERNACOLO DI DIO

L’Universo è il tabernacolo di Dio.
Quando il vento soffia, quello è il respiro di Dio.
Quando voi respirate, quando io respiro, anche questo è il respiro di Dio.
Dio ci ha dato la pace. Andate su una collina domattina presto e guardate la valle sotto di voi. Quanta pace, è tutto tranquillo. Si sente solo il canto degli uccelli che lodano Dio.

(da “Nobile Uomo Rosso” – Il mondo straordinario di un Wisdomkeeper Lakota
di Harvey Arden)

Lottare, cercare, trovare e non arrendersi

LOTTARE.
Lottare contro le avversità e le oppressioni.
Opporsi alle ingiustizie, alle tirannie,
alle catene e alle sbarre.
Lottare.

TROVARE.
Trovare la nuova terra.
Dove l’albero della conoscenza dà i suoi frutti e i suoi fiori.
Trovare le nuove genti,
il tesoro della loro civiltà.
Trovare.

E NON ARRENDERSI.
Non arrendersi al destino,
non arrendersi alla storia.
Tessere con le nostre mani un futuro limpido che ci appartenga.
Non arrendersi alla paura dell’ignoto,
che ci acceca con l’oscuro e la menzogna.
Non arrendersi.

CERCARE.
Cercare le melodie infinite dell’universo,
la voce profonda e solenne che racconta di storie di viaggi.
Cercare senza legami,
verso l’assoluto.
Cercare.

TROVARE.
Trovare la potenza di un’idea senza ancore e zavorre,
salire e distaccarsi dal sapore della terra,
le radici grondano e perdono croste di fango.
Trovare l’armonia perfetta con il corpo,
trovare l’intangibile dell’anima.
Trovare.

E NON ARRENDERSI.
Non arrendersi al grigio torpore delle menti,
alla sterile successione di gesti e abitudini.
Sognare fino in fondo, alzare le ali della fantasia al di là dei limiti del pensiero umano.
Non arrendersi.

LOTTARE. CERCARE. TROVARE. E NON ARRENDERSI.

da “Infin che ‘l mar” di Roberto Costantini